Agriturismo.st | Home

richiesta multipla

Tutti gli agriturismo di una località VAI >

newsletter

Iscriviti e rimani aggiornato VAI >

cerca agriturismo

AGRITURISMO Veneto



Attualmente sono presenti 1178 strutture
Scegli una provincia Scegli una zona Torna indietro
RICERCA AVANZATA
Regione
  Provincia
Servizi struttura

Ristorazione

Vendita prodotti

Centro benessere

   
Servizi in camera

Riscaldamento

Cucina

Sistemazione

Agricampeggio

Casa Vacanze

Country House

Posizione

Pianura

Città


Mappa degli agriturismi in Veneto


 

Informazioni su Veneto


Popolazione:

4.363.157 abitanti

Superficie:

18.365

Confini:

A nord con l'Austria, ad est con il Friuli-Venezia Giulia ed il Mar Adriatico, a sud con l'Emilia-Romagna, ad ovest con Lombardia e Trentino-Alto Adige.

Agricoltura:

Anticamente l'economia della regione era incentrata quasi totalmente proprio sull'agricoltura; infatti, alcuni decenni addietro il Veneto era tra i maggiori produttori d'Italia per quanto riguardava la coltivazione del mais e della canapa. Con il passare degli anni, però, questo settore è entrato via via sempre più in crisi, anche se rispetto ad altre regioni italiane la produzione agricola si è mantenuta a livelli accettabili; abbastanza sviluppata è, infatti, la coltivazione del granoturco, della barbabietola da zucchero, della canapa, del tabacco, dei piselli, delle mele e, soprattutto, della soia (da evidenziare che occupa ben il 40% della produzione nazionale). Di notevole importanza sono anche la produzione del vino (famose per questo sono le colline veronesi), e la frutticoltura (soprattutto mele e pesche), quest'ultima caratterizzata, sulle rive del Lago di Garda, dalla bellissima presenza di ulivi, aranci e limoni. Invece non riveste particolare rilevanza l'allevamento, anche se pure questo era anticamente molto sviluppato.

Paesaggi:

Dal punto di vista fisico, il Veneto si presenta come la regione più varia di tutta la Penisola italiana; infatti, si può dire che possiede ben otto zone distinte una dall'altra: le Alpi Carniche, le Dolomiti, le Prealpi, le Colline subalpine, l'Alta Pianura, la Bassa Pianura, il Delta del Po ed i Colli Berici ed Euganei. La zona montuosa della regione è suddivisa in Alpi Carniche e Dolomiti, le cui rispettive massime altitudini sono conosciute con il nome di "Monte Peralba" (2.693 m) e di "Antelao" (3.263 m), mentre altre vette minori sono i gruppi delle "Tofane" (3.243 m), del "Civetta" (3.218 m), del "Cristallo" (3.216 m) e delle "Cinquetorri" (2.575 m), tutte situate nelle Alpi Dolomitiche. Per quanto riguarda le Prealpi, c'è da dire che molto famosi sono i "Monti Lessini" (che comprende l'Altipiano dei Tredici Comuni), l'"Altopiano d'Asiago" (con i Sette Comuni) e le "Prealpi Bellunesi" (situate alla sinistra del Piave). Caratteristica unica del Veneto è il gran numero di piccole zone che superano i 200 m di altezza, le cosiddette "colline subalpine". I nomi più importanti che evidenziano questa zona sono quelli dei "Colli Berici" e dei "Colli Euganei"; i primi, posti all'estremità dei Lessini, sono praticamente i ruderi di antichissimi vulcani e si presentano come verdi colline interrotte qua e là da alcuni piccoli laghi, mentre i secondi sorgono in piena pianura e si presentano con la forma di coni regolari aventi vette aguzze, anche se si nota la loro origine vulcanica. Così come in Lombardia, anche nel Veneto si trova un'Alta pianura, la quale possiede un suolo ghiaioso e molto permeabile, ed una Bassa pianura, avente invece un suolo argilloso e quasi impermeabile: esse sono separate da una zona denominata "zona delle resorgive", dove le acque dei fiumi e delle piogge assorbite nell'alta pianura riemergono. Bisogna inoltre aggiungere che la vastissima Bassa pianura non supera mai i 30-40 metri sul livello del mare ma addirittura, in alcuni tratti, si trova in depressione anche di due o tre metri. Il maggiore fiume d'Italia, il Po, ha formato con il passare degli anni una parte di suolo di tipo alluvionale che presenta una superficie di circa 500 Kmq, e questo si è verificato grazie ai milioni di metri cubi di materiale trasportati dal fiume stesso; questa zona prende il nome di "Delta del Po". Gli altri fiumi veneti che rivestono notevole importanza sono il Brenta (160 Km), il Tagliamento (170 Km), il Bacchiglione (113 Km), il Livenza (105 Km) e soprattutto l'Adige (410 Km), il secondo fiume italiano; bisogna sottolineare però che nessuno dei fiumi sopracitati appartiene per tutta la sua lunghezza al territorio veneto, ma provengono da altre regioni come la Lombardia ed il Trentino. Il Veneto, inoltre, divide con la Lombardia ed il Trentino-Alto Adige il Lago di Garda, il più vasto d'Italia, mentre il lago più vasto interamente veneto è quello di Santa Croce (8 Kmq). Il clima, infine, si presenta molto rigido nella fascia montuosa, divenendo via via più mite in quella pianeggiante dove a inverni piuttosto freddi si alternano estati calde. Topografia: Montagna 29,1% Collina 14,5% Pianura 56,4%

Industria:

Nei primi decenni del ventesimo secolo il Veneto era una delle regioni più povere d'Italia dal punto di vista industriale, mentre oggi questa vasta frazione del nostro Paese si presenta molto ben organizzata; infatti, ben il 42% degli occupati veneti lavorano in questo settore e sono più o meno equamente divisi nelle varie aziende meccaniche, metalmeccaniche, tessili, alimentari e dell'abbigliamento. Caratteristiche sono le piccole industrie di provincia, come quella delle biciclette a Vittorio Veneto e degli occhiali a Cadore, mentre famose sono le aziende laniere di Valdagno. Anche se anticamente rivestivano molta più importanza, i cantieri navali posti nella provincia di Venezia sono ancora oggi centri commerciali abbastanza conosciuti. Proprio il commercio, tra le altre attività, ha avuto, con il passare degli anni, una buona affermazione economica; infatti, molto conosciute e frequentate si presentano le fiere di Verona e di Padova. Anche le attività finanziarie sono caratterizzate da un discreto sviluppo. Vista la varietà di superficie che offre la regione, il turismo è molto sviluppato sia in estate che in inverno, e questo grazie alla presenza di basse e sabbiose spiagge lungo la costa e di alte ed innevate montagne attrezzate con dei validi impianti sciistici.

Città:

Il capoluogo del Veneto è Venezia, importantissimo centro turistico ed una delle più belle città del mondo; posta a 4 Km dalla terraferma e su 18 isolette della Laguna Veneta, l'economia della città si basa sulle industrie portuali, tessili, cantieristiche e, ovviamente, su tutte le attività connesse con il turismo. Antica Repubblica marinara, Venezia possiede tuttora stupende opere e fantastici monumenti invidiati in tutto il Mondo; importanti sono infatti la famosissima Piazza San Marco, dove si trova la basilica omonima, il campanile, il "Palazzo Ducale" e la "Loggetta di Sansovino". Dimostrazione dell'arte gotica impostasi a Venezia sono le chiese dei Santi Giovanni e Paolo, il Palazzo Ca' Foscari e la chiesa di Santa Maria Gloriosa dei Frari, mentre in stile rinascimentale sono noti il palazzo Vendramin Calergi, la chiesa di Santa Maria dei Miracoli e la facciata di San Zaccaria. Venezia è conosciuta in tutto il mondo anche grazie alle varie grandi manifestazioni che si tengono in essa, come il Festival cinematografico e lo sfarzesco Carnevale. Famosissimi sono infine il Canal Grande (valicato dai ponti: Rialto, Scalzi, Accademia) e l'isola di Murano, quest'ultima nota per le caratteristiche lavorazioni in vetro. Altra bellissima città veneta è Verona, posta ai piedi dei Monti Lessini ed attraversata dal fiume Adige. Grazie alla sua favorevole posizione geografica, Verona è anche un buon centro industriale ed agricolo, avente una Fiera conosciuta in tutta Europa, ed un notevolissimo centro turistico. Dal punto di vista artistico, la città offre una moltitudine di monumenti e d'opere d'arte. Per iniziare è d'obbligo ricordare l'"Arena", il grande anfiteatro romano costruito nel primo secolo, ma importanti e soprattutto molto belli sono anche il medievale "Castelvecchio", fatto costruire da Cangrande della Scala, l'antichissima "Chiesa di San Zeno", il Duomo, che presenta uno stile gotico-romanico, la "Chiesa di Sant'Anastasia" e la "loggia del Consiglio". Caratteristiche della città sono le vecchie piazze, denominate "Piazza delle Erbe" e "Piazza Brà", ma anche la "Casa di Giulietta" riesce a richiamare un vastissimo numero di turisti e questo grazie alla nota leggenda shakespeariana che lega gli innamorati Romeo e Giulietta alla città veronese. Famosa soprattutto per la sua Università, Padova si trova tra i fiumi Brenta e Bacchiglione, ad ovest della laguna veneta. Se per quanto riguarda l'economia non vi è praticamente nulla da dire se non che è in crisi da ormai parecchi anni, per quanto riguarda le opere artistiche della città vi sono tantissime curiosità; infatti, Padova si presenta come una delle città venete più interessanti, che conserva numerose testimonianze del periodo medievale, come il "Palazzo della Ragione", il "Palazzo della Cancelleria", il "Palazzo del Podestà", il duomo ed il Battistero. Degli altri periodi storici sono da ricordare invece la bellissima "Chiesa di San Antonio" (detta "Chiesa del Santo"), che al suo interno presenta l'altare in bronzo di Donatello, la "Chiesa degli Eremitani", in stile romanico-gotico, e la "Cappella degli Scrovegni", affrescata da Giotto. Per quanto riguarda Belluno, invece, c'è da dire che la sua superficie si presenta quasi totalmente montuosa e che l'economia della città si basa soprattutto sull'agricoltura e sul turismo. Rivestono una qualche importanza la cattedrale, il palazzo dei Rettori ed il palazzo del Comune. Treviso, anticamente denominata Tarvisium, è situata sul fiume Sile, alla confluenza del Bottaniga; quasi interamente pianeggiante, la superficie trevigiana si eleva a nord nei territori prealpini con il Monte Grappa. Vista la posizione geografica, l'economia della città si basa soprattutto sull'agricoltura, ed in special modo sulla produzione di cereali e sull'allevamento bovino, mentre non molto sviluppata risulta essere l'agricoltura. "Piazza dei Signori" è sicuramente la parte artistica più importante di Treviso, ma anche il duomo, il battistero, la loggia dei Cavalieri e la chiesa di San Nicolò sono delle opere artisticamente abbastanza valide. La città di Vicenza è invece situata alle falde settentrionali dei Monti Berici, presso la confluenza del Retrone e del Bacchiglione. L'economia vicentina è abbastanza sviluppata sia nel settore industriale che in quello agricolo, soprattutto con il ramo tessile e meccanico e con la produzione di cereali e foraggi. I monumenti più conosciuti di Vicenza sono la "Chiesa di San Felice", di epoca medievale, le chiese di Santa Maria dei Servi e di San Lorenzo, entrambe del periodo gotico, ed il bellissimo Teatro Olimpico costruito dal Palladio. Per concludere, non resta che parlare di Rovigo, città posta nel Polesine che vanta un buon mercato agricolo. Tra i suoi monumenti sono da evidenziare la "Chiesa della Beata Vergine del Soccorso", il "Chiostro degli Olivetani" ed i palazzi Roverella e Roncala, tutti risalenti all'epoca rinascimentale. Località turistiche: Cortina d'Ampezzo e Sappada sono importanti centri sciistici, Bardolino è noto paese posto sulla riva del Lago di Garda, mentre Chioggia, Sottomarina ed il Lido di Jesolo sono famosi centri balneari.

Personaggi:

Tra i personaggi più noti del Veneto sono da sottolineare i nomi di Antonio Vivaldi, Andrea Palladio, Marco Polo, Giorgione e Carlo Goldoni. Il primo (1678-1741), noto compositore e violinista, fu per quasi quarant'anni insegnante di violino all'ospedale della Pietà a Venezia; le sue opere più importanti da ricordare sono le "Quattro Stagioni", la "Tempesta di mare", il "Cardellino" e la "Notte". Della sua vita privata c'è solo da dire che fu un pseudo-sacerdote, in quanto egli assunse la carica ecclesiastica solo per convenienza e morì nel 1741 in miseria, dimenticato da tutti. Sul Palladio (1508-1580), soprannome di Andrea Di Pietro Della Gondola, c'è da sottolineare la sua attrazione per i monumenti della tarda antichità romana, nonostante quel periodo fosse influenzato dalle grandi opere di architetti del calibro del Bramante e di Michelangelo. La sua attività inizia, comunque, con la costruzione della villa Godi a Lonedo ed il palazzo Civena di Vicenza, testimonianze di architettura moderna, mentre successivamente fu autore di stupende opere come le chiese di San Giorgio Maggiore e del Redentore, che si trovano a Venezia, e soprattutto dello stupendo Teatro Olimpico, situato a Vicenza. Famoso viaggiatore veneziano, Marco Polo (1254-1324) è noto per essere stato, nel 1277, membro del Consiglio Privato dell'imperatore pechinese Kubilai; quest'ultimo, tra l'altro, gli affidò il governo di alcune province. La sua opera letteraria, il "Milione", narra dei suoi viaggi e delle sue esperienze in Estremo Oriente. Giorgio Barbarelli, detto il Giorgione (1478-1510), fu uno dei maestri di pittura della scuola veneziana ed autore dei "Tre filosofi", della "Tempesta" e della "Venere", bellissime testimonianze del periodo rinascimentale italiano. Non vi sono notizie inerenti la sua vita privata. Infine, Carlo Goldoni (1707-1793) fu un famoso commediografo e autore teatrale, autore delle commedie "La donna di garbo", "La locandiera", "Il campiello" ed "Il bugiardo". Dopo aver svolto un'intensa attività italiana, Goldoni fu invitato in Francia, ed esattamente a Parigi, dove insegnò la lingua italiana presso la "Comédie italienne". Un decennio prima di morire, Goldoni scrisse in francese "Mémoires", opera autobiografica che presenta, con una serena prospettiva di commedia, parte degli avvenimenti da lui stesso vissuti.

Storia:

Le notizie sicure sulla storia veneta iniziano con la respinta da parte dei popoli veneti dei Galli e con il conseguente dominio da parte dei romani; sotto il regno romano, comunque, il Veneto conobbe tre secoli di assoluto benessere, durante i quali le varie città della regione si abbellirono di stupendi monumenti (basti pensare alla maestosa "Arena" veronese). Successivamente, però, arrivò un periodo molto brutto, con distruzioni, sofferenze, incendi, e questo per opera delle varie e devastanti invasioni barbariche; per tentare di sfuggire a questo dominio, i Veneti cominciarono a rifugiarsi sulle isole della laguna, iniziando così a formare i primi nuclei della nuova città, Venezia. Dopo essere state sottomesse alle varie dominazioni longobarde, dei Franchi e tedesche, le città venete furono divise in Comuni e successivamente si unirono contro Federico Barbarossa nella famosa "Lega veronese" (questa era composta da Verona, Vicenza, Padova e Treviso) che esluse definitivamente i tedeschi dal territorio veneto. I Comuni del Veneto si trasformarono in seguito in Signorie, ed esattamente a Verona governarono gli Scaligeri, a Padova i Carraresi ed a Treviso i Da Camino, finché Venezia non prese in mano la situazione, proponendosi come protettrice di tutte le città venete; per due secoli essa seppe governare con grande saggezza e maestria, fino all'anno 1815, data in cui, per mano di Napoleone Bonaparte, la Repubblica veneziana con tutto il "suo" popolo venne annessa alla Lombardia, formando così il regno austriaco del Lombardo-Veneto. Da questo periodo fino al 1866 (anno dell'unione al Regno d'Italia), la regione veneta combatté strenuamente per ottenere l'indipendenza e l'unità d'Italia.

Agrigento | Alessandria | Ancona | Aosta | Arezzo | Ascoli Piceno | Asti | Avellino | Bari | Belluno | Benevento | Bergamo | Biella | Bologna | Bolzano | Brescia | Brindisi | Cagliari | Caltanissetta | Campobasso | Carbonia - Iglesias | Caserta | Catania | Catanzaro | Chieti | Como | Cosenza | Cremona | Crotone | Cuneo | Enna | Ferrara | Firenze | Foggia | Forlì - Cesena | Frosinone | Genova | Gorizia | Grosseto | Imperia | Isernia | La Spezia | L'Aquila | Latina | Lecce | Lecco | Livorno | Lodi | Lucca | Macerata | Mantova | Massa - Carrara | Matera | Medio - Campidano | Messina | Milano | Modena | Napoli | Novara | Nuoro | Ogliastra | Olbia - Tempio | Oristano | Padova | Palermo | Parma | Pavia | Perugia | Pesaro - Urbino | Pescara | Piacenza | Pisa | Pistoia | Pordenone | Potenza | Prato | Ragusa | Ravenna | Reggio Calabria | Reggio Emilia | Rieti | Rimini | Roma | Rovigo | Salerno | Sassari | Savona | Siena | Siracusa | Sondrio | Taranto | Teramo | Terni | Torino | Trapani | Trento | Treviso | Trieste | Udine | Varese | Venezia | Verbano-Cusio-Ossola | Vercelli | Verona | Vibo Valentia | Vicenza | Viterbo |