Agriturismo.st | Home

richiesta multipla

Tutti gli agriturismo di una località VAI >

newsletter

Iscriviti e rimani aggiornato VAI >

cerca agriturismo

AGRITURISMO Toscana



Attualmente sono presenti 2885 strutture
Scegli una provincia Scegli una zona Torna indietro
RICERCA AVANZATA
Regione
  Provincia
Servizi struttura

Ristorazione

Vendita prodotti

Centro benessere

   
Servizi in camera

Riscaldamento

Cucina

Sistemazione

Agricampeggio

Casa Vacanze

Country House

Posizione

Pianura

Città


Mappa degli agriturismi in Toscana


 

Informazioni su Toscana


Popolazione:

3.510.114 abitanti

Superficie:

22.992

Confini:

A nord con l'Emilia-Romagna, ad est con Marche ed Umbria, a sud con il Lazio, ad ovest con il Mar Tirreno e la Liguria.

Agricoltura:

L'agricoltura di questa regione non si presenta tra le più importanti d'Italia, ma comunque può vantare egualmente discrete coltivazioni di olive, cereali, ortaggi, frutta e uva da vino (famosa per questa è la zona di Chianti). In via di sviluppo sono, invece, le colture di granoturco, di tabacco e della barbabietola da zucchero, mentre di discreta importanza sono l'allevamento del bestiame e la pesca. Da tenere in considerazione sono anche le produzioni di castagne e di funghi. Pregiata è, inoltre, la floricoltura, incentrata principalmente nel Pistoiese. Bisogna dire, però, che l'agricoltura toscana sta attraversando un periodo di trasformazione, in quanto molte zone agricole, per effetto dell'industrializzazione, si stanno via via sempre più urbanizzando, con la conseguenza che con la modernizzazione di molteplici sistemi lavorativi non si ha ancora un notevole sviluppo di nessun specifico prodotto.

Paesaggi:

La regione presenta una superficie prevalentemente collinare, con un buon numero sia di laghi che di fiumi; questa varietà fa sì che la Toscana, oltre ad avere fantastici ed invidiatissimi monumenti, sia anche dal punto di vista fisico una gran bella frazione del nostro Paese. Innanzitutto cominciamo a parlare delle poche zone montane presenti, e vale a dire del breve tratto appenninico ad oriente e delle Alpi Apuane ad occidente, le cui massime altitudini si avvicinano ai 2.000 metri. Caratteristica della Toscana è la presenza di una serie di basse catene che hanno un andamento parallelo alla catena principale e la cui denominazione è di "Antiappennino"; questa parte centrale della regione presenta vette abbastanza famose, come ad esempio i "Monti del Chianti", il "Monte Amiata" ed i "Monti Metalliferi". Sulla pianura toscana vi è soltanto da dire che le zone pianeggianti della regione sono numerose ma molto piccole; infatti, importanti ma assolutamente poco vaste sono le pianure della Maremma e quella del Valdarno inferiore, che dalla costa giunge sino oltre Empoli. Inutile dire che si trovano all'interno della regione lungo il corso dei fiumi principali. E proprio quest'ultimi sono ora da menzionare, evidenziando che i maggiori corsi d'acqua della Toscana sono l'"Arno" (241 Km), fiume che attraversa le città di Firenze e di Pisa, e l'"Ombrone" (161 Km). Il "Lago di Massaciùccoli" (6,5 Kmq) e quello di "Castelnuovo di Garfagnana" sono i laghi più importanti e vasti della regione. Il clima si presenta con inverni miti ed estati calde e asciutte lungo le zone costiere, mentre nelle zone più interne della regione durante i mesi invernali le temperature diminuiscononotevolmente. Infine non resta che parlare delle coste toscane, generalmente basse e sabbiose che si sviluppano per quasi 300 Kmq e che sono attrazione per un notevole numero di turisti. Ultima curiosità è che alcune coste uniformi sono talvolta interrotte da importanti promontori, tra i quali spiccano quelli di Piombino e del Monte Argentario. Topografia: Montagna 25,1% Collina 66,5% Pianura 8,4%

Industria:

L'apparato industriale toscano è costituito da un notevole numero di industrie medie e piccole, che operano nei vari settori tessile, alimentare, meccanico, chimico, della lavorazione del cuoio e delle pelli e del mobilio. Caratteristico della regione è il settore estrattivo, importante sia perché si presenta come un settore sviluppato sia perché costituisce una buona fonte di reddito; però, e questo è un fatto un po' anomalo, è famoso in tutta Italia soprattutto per la sua tradizione (nota è l'estrazione del marmo nelle Alpi Apuane). La Toscana, inoltre, è una delle poche frazioni italiane a presentare la cosiddetta "industria di trasformazione", che racchiude piccole aziende che lavorano nei settori conciario, calzaturiero e grafico-editoriale. Molto sviluppati sono il turismo, principale fonte del settore terziario dell'intera regione, ed il commercio.

Città:

Il capoluogo della Toscana è Firenze, una delle più belle città artistiche e culturali del mondo, attraversata dal fiume più lungo della regione, vale a dire l'Arno. Per quanto riguarda l'economia di questo capoluogo di Provincia, c'è da sottolineare che essa di basa soprattutto sull'attività industriale e sul turismo; infatti, rivestono una qualche importanza le aziende ottiche, meccaniche, editoriali e grafiche, mentre non molto sviluppata è l'agricoltura. Anche l'artigianato, soprattutto nel campo delle confezioni e dei soprammobili, occupa uno spazio rilevante nell'economia cittadina. Firenze può inoltre vantare un notevolissimo numero di monumenti ed opere d'arte: i più famosi sono la "Cattedrale di Santa Maria del Fiore", alla quale sono affiancati il "Campanile di Giotto" ed il "Battistero di San Giovanni". Molto belli sono gli affreschi della Cappella Bardi e della Cappella Peruzzi, entrambe analizzate dal grande Giotto, i vari Palazzi del Podestà, Vecchio (o della Signoria), del Bargello e la Loggia dei Lanzi, le chiese di Santa Maria Novella, Santa Trinità e Santa Croce (tutte tre costruite in stile gotico). Caratteristico è il "Ponte Vecchio" sull'Arno. Molteplici sono altri dipinti e sculture lasciateci dai grandi pittori, scultori ed architetti italiani (quasi tutti, tra l'altro, di origini toscane). Altra bellissima città della Toscana è Pisa, famosa in tutto il mondo per la sua notissima "Torre pendente". Prima di passare a parlare dell'aspetto artistico di Pisa, bisogna soltanto dire che essa presenta un buon centro commerciale ed industriale, con aziende alimentari, tessili, del vetro e delle confezioni, oltre ad avere annualmente un notevole afflusso turistico. Anticamente fortissima Repubblica marinara, Pisa possiede stupende opere d'arte, tra le quali sono da ricordare soprattutto il campanile, detto "La Torre di Pisa", il duomo ed il battistero; queste tre bellezze sono situate nell'altrettanto famosa Piazza dei Miracoli. Altre importanti bellezze monumentali sono le chiese di San Frediano, di San Francesco e di San Paolo, la cappella di Sant'Agata, di immensa attrattiva è il Museo Nazionale, mentre molto famosa è l'Università di Pisa. Capoluogo di Provincia dal 1992, Prato è situata sul fiume Bisenzio e presenta uno dei maggiori centri tessili della regione, oltre alle varie fabbriche chimiche, metalmeccaniche, delle confezioni ed alimentari, mentre l'attività agricola è ristretta alla produzione di olive e ed ortaggi. I monumenti più importanti della città sono il duomo, il Castello dell'Imperatore e la chiesa di Santa Maria delle Carceri. Livorno, città posta sul Mar Tirreno, presenta un porto attivo e da un buon turismo balneare; le industrie presenti operano nei settori meccanici, cantieristici, alimentari e del vetro, mentre abbastanza sviluppata è la pesca d'alto mare. Ultima notizia inerente questa città è che essa presenta la seconda più alta densità di abitanti della regione, preceduta dalla sola Firenze. Famosissima per la sua piazza ed il suo Palio, Siena è posta tra le valli dell'Arbia e dell'Elsa e presenta un'economia incentrata principalmente sul turismo e sulle varie industrie dolciarie, meccaniche e farmaceutiche. Dal punto di vista artistico la città offre un caratteristico aspetto medievale unico in Italia, con una stupenda piazza (denominata "Piazza del Campo") sede dell'annuale e famoso Palio, con il bellissimo "Palazzo Pubblico" affiancato all'altrettanto importante "Torre del Mangia". Suggestivi sono anche il Duomo, che presenta una stupenda cupola, il battistero, la medievale chiesa di Santa Maria dei Servi ed il Palazzo Chigi-Saracini. Pistoia, città situata alla sinistra del fiume Ombrone, offre una sviluppata industria meccanica e metalmeccanica, oltre ad un fiorente commercio ed una sufficiente attività agricola. I suoi monumenti più interessanti sono il duomo, le chiese di Sant'Andrea e di San Bartolomeo ed i Palazzi Panciatichi e Pretorio. Sulla città di Lucca c'è da evidenziare la sua posizione geografica nella pianura compresa tra le propaggini meridionali delle Alpi Apuane e il monte Pisano ed il buon sviluppo industriale nei settori tessili, alimentari, dei tabacchi e chimici. La chiesa di San Frediano, la bellissima chiesa di San Michele in Foro, il duomo di San Martino e la chiesa di San Romano sono le opere artistiche più interessanti della città. Altra piccola frazione della Toscana è Massa Carrara, posta tra il versante sud-occidentale delle Alpi Apuane ed il Mar Tirreno. Molto fiorenti sono il turismo balneare (Marina di Massa) e l'industria dell'estrazione e della lavorazione del marmo, mentre i suoi monumenti principali sono il castello dei Malaspina ed il duomo. Maggiormente sviluppata è l'attività agricola di Arezzo, che presenta buone coltivazioni di granoturco, patate, pomodori e fagioli, mentre non hanno molto importanza le varie industrie meccaniche, metallurgiche e delle confezioni. Molto suggestivi sono il teatro e l'anfiteatro romano, la splendida pieve di Santa Maria, il duomo ed il Palazzo dei Priori con la caratteristica Torre. Ultima città da menzionare è Grosseto, situata in piena Maremma toscana ed alla destra del fiume Ombrone. Una qualche importanza hanno le produzioni agricole (ortaggi, uva e cereali) e le attività industriali (caseifici e dei materiali da costruzione). Le uniche testimonianze artistiche della città sono il duomo e le chiese di San Francesco e di San Pietro. Località turistiche: Marina di Massa, l'Isola d'Elba, Follonica e Castiglione di Pescaia sono buoni centri balneari, Montecatini Terme e Chianciano Terme sono conosciuti centri termali, mentre Firenze, Pisa e Siena sono stupende città d'arte.

Personaggi:

La Toscana presenta il maggior numero di personaggi famosi legati alla sua storia: sono infatti ben undici. Per iniziare si può parlare del massimo poeta di tutti i tempi, e cioè Dante Alighieri (1265-1321). Questo famosissimo personaggio fece parte nel 1926 del Consiglio dei Cento, in seguito venne condannato dapprima ad una multa e quindi all'esilio con minaccia di morte ove fosse caduto in mano al Comune; questo fatto, dovuto alla sua presa di posizione nei confronti dei guelfi neri (gli allora padroni della Toscana), influì molto sulla maturazione artistica del poeta. La sua principale opera letteraria è la conosciutissima "Divina Commedia", capolavoro in cui conluiscono tutti i motivi conduttori non solo della cultura e sensibilità dantesche, ma, attraverso il filtro di queste, dell'intera civiltà medievale. Altre opere famose sono le "Epistole", le "Egloghe" e la "Quaestio de aqua et terra". Leonardo Da Vinci (1452-1519) fu uno dei più grandi e completi personaggi del Rinascimento italiano. Oltre ad essere scultore, architetto, scienziato e scrittore, Da Vinci fu soprattutto un immenso pittore arrivando a dipingere opere del calibro della "Gioconda" (Louvre di Parigi), dell'"Ultima Cena" (Convento di S. Maria delle Grazie di Milano) e della "Vergine delle Rocce" (Louvre di Parigi). Da Vinci scrisse tra l'altro un "Trattato della pittura", pubblicato nel 1888, progettò la costruzione di vari ponti e canali, studiò i muscoli umani ed il volo degli uccelli, permise la costruzione di macchine per il volo. Altro personaggio famosissimo avente origini toscane è Galileo Galilei (1564-1642), filosofo, matematico ed astronomo. Dopo aver insegnato matematica sulle cattedre di Pisa, Padova ed ancora di Pisa, Galileo costruì l'"Occhiale", l'attuale telescopio, con il quale fece numerose scoperte astronomiche, come la scoperta delle "macchie solari", la determinazione dei movimenti dei satelliti di Giove e soprattutto la dimostrazione del "sistema eliocentrico". Inoltre nel campo della fisica stabilì le leggi della caduta dei gravi e del moto uniformemente accelerato. Ma le sue teorie, essendo contrarie a quelle enunciate nelle Sacre Scritture, furono tacciate di eresia e condannarono Galileo al carcere a vita commutato più tardi in una vincolata dimora alla Trinità dei Monti a Roma. Michelangelo Buonarroti (1475-1564), poeta, scultore, architetto e pittore, fu insieme a Leonardo Da Vinci uno dei maggiori geni compiuti del Rinascimento. Dopo aver vissuto sotto la corte fiorentina dei Medici, Michelangelo fu chiamato da Papa Giulio II a Roma perché si occupasse degli affreschi della Cappella Sistina; tornato a Firenze e poi di nuovo a Roma, qui si stabilì definitivamente e iniziò l'affresco del "Giudizio Universale" nella Cappella Sistina, a cui aggiunse la famosissima e bellissima "cupola". Altre importanti opere di Michelangelo sono la statua rappresentante il "David" (Accademia, Firenze), "Madonna Pitti" (Museo Nazionale di Firenze) ed il completamento e la sistemazione del "Palazzo Farnese" e della "Piazza del Campidoglio" a Roma. Altro grandissimo pittore degli inizi del XIV secolo è Giotto di Bondone (1267-1337), famoso per essere stato tra i primi ad abbandonare la scuola bizantina per intraprendere la nuova via del naturalismo. I suoi lavori più importanti sono la "Cappella Bardi" a Firenze, la "Leggenda di San Francesco" ad Assisi e la "Cappella degli Scrovegni" a Padova. La sua più grande opera resta comunque l'inizio della costruzione del campanile della Cattedrale di Firenze, che prende il nome proprio del grandissimo pittore. Di Giovanni Boccaccio (1313-1375), invece, c'è da dire che fu l'autore del capolavoro della novellistica italiana denominato "Decamerone", mentre "Trattarello", "Ninfale d'Ameto" e "Ninfale Fiesolano" sono testi di minore importanza. Giacomo Puccini (1858-1924), uno dei più grandi operisti di tutti i tempi, nelle sue composizioni presenta uno stile personalissimo, caratterizzato dalla fusione del tardo romanticismo e del realismo dei primi del Novecento. Le sue opere più famose sono "La Bohème", la "Tosca" e "Madama Butterfly". L'unico personaggio che ricopre una certa importanza dal punto di vista politico è "Niccolò Machiavelli" (1496-1527), segretario alla cancelleria della repubblica. Machiavelli fu l'organizzatore delle truppe fiorentine che si scontrarono contro gli Spagnoli; ma la sconfitta subita da essi convinse i Medici a toglierli la carica e per un breve periodo addirittura lo imprigionarono. Da allora non ebbe più la carica politica che egli desiderava, emarginandolo sempre più dal mondo esterno e facendolo chiudere in se stesso. Le sue maggiori composizioni sono le "Istorie Fiorentine", la "Mandragola", il "Principe" ed i "Discorsi". Altro pittore fiorentino è Sandro Botticelli (vero nome "Sandro Filipepi", 1445-1510), famoso soprattutto per i suoi affreschi alla Cappella Sistina e per le composizioni "Primavera", "Annunciazione", "La calunnia" e la "Nascita di Venere". Il pittore iniziò la propria carriera realizzando opere di ispirazioni religiose, per poi passare a dipinti mitologici di ispirazione pagana ed infine a stabilizzarsi su opere aventi motivi più drammatici. Il poeta Francesco Petrarca (1304-1374) è il famoso autore del "Canzoniere", opera letteraria che presenta la storia intima del poeta e dell'amore per Laura, figura spirituale e sottilmente sensuale, amata anche dopo la morte. Altri importanti testi letterari: "Epistolae metricae", "I Trionfi" ed "Africa". L'ultimo personaggio da menzionare, ma non assolutamente perché di scarsa importanza, è il poeta Giosuè Carducci (1835-1907), laureatosi a Pisa ed insegnante universitario a Bologna. Le sue opere più importanti sono "Rime nuove", "Inno a Satana", ma soprattutto "Odi barbare" e "Rime e ritmi"; quest'ultimi due testi letterari sono le massime espressioni artistiche del poeta, con descrizione dei paesaggi legati alle rievocazioni storiche.

Storia:

Verso la metà del primo millennio avanti Cristo, il territorio dell'attuale Toscana era abitato dal popolo etrusco. Quando questa popolazione venne scacciata dalla dominazione romana, la "Etruria" (così era chiamata l'antica Toscana) conobbe un lungo e tranquillo periodo, caratterizzato dallo sviluppo commmerciale e dalle buone lavorazioni artigianali. Dopo un buio lasso di tempo caratterizzato dal terribile sviluppo della malaria, l'Etruria passò dapprima sotto il controllo dell'imperatore Augusto (diventando la settima regione dell'impero) e successivamente in mano all'imperatore Diocleziano, dove venne unita all'Umbria e prese il nuovo nome di Tuscia. Quest'ultima, così come molte altre zone italiane, subì le varie invasioni barbariche (Alemanni, Ostrogoti, Longobardi) per poi passare sotto il dominio dei Franchi. Dopo che il periodo feudatario era passato sotto il controllo degli Attoni, verso il XIV secolo sorsero in Toscana le prime autonomie comunali, con Firenze che riuscì a primeggiare sulle altre città del territorio. Questa "dominazione comunale" fu sostituita dalle signorie solamente all'inizio del XV secolo per mezzo della famiglia dei Medici. Questa signoria condusse una politica saggia e corretta per circa tre secoli prima di essere sottomessa dalla famiglia dei Lorena, la quale seppe migliorare notevolmente l'economia della regione. Durante il periodo delle signorie lo "Stato di Toscana" divenne "Granducato di Toscana". Quando nel 1858 la famiglia dei Lorena, pressati dall'Austria, tolsero molte libertà al popolo toscano, Leopoldo II venne cacciato da Firenze. Il 15 marzo 1860 la Toscana con voto plebiscitario venne annessa al Piemonte per poi diventare, cinque anni più tardi, persino capitale d'Italia. Questo "incarico" durò fino al 1870, anno in cui Roma prese il suo posto.

Agrigento | Alessandria | Ancona | Aosta | Arezzo | Ascoli Piceno | Asti | Avellino | Bari | Belluno | Benevento | Bergamo | Biella | Bologna | Bolzano | Brescia | Brindisi | Cagliari | Caltanissetta | Campobasso | Carbonia - Iglesias | Caserta | Catania | Catanzaro | Chieti | Como | Cosenza | Cremona | Crotone | Cuneo | Enna | Ferrara | Firenze | Foggia | Forlì - Cesena | Frosinone | Genova | Gorizia | Grosseto | Imperia | Isernia | La Spezia | L'Aquila | Latina | Lecce | Lecco | Livorno | Lodi | Lucca | Macerata | Mantova | Massa - Carrara | Matera | Medio - Campidano | Messina | Milano | Modena | Napoli | Novara | Nuoro | Ogliastra | Olbia - Tempio | Oristano | Padova | Palermo | Parma | Pavia | Perugia | Pesaro - Urbino | Pescara | Piacenza | Pisa | Pistoia | Pordenone | Potenza | Prato | Ragusa | Ravenna | Reggio Calabria | Reggio Emilia | Rieti | Rimini | Roma | Rovigo | Salerno | Sassari | Savona | Siena | Siracusa | Sondrio | Taranto | Teramo | Terni | Torino | Trapani | Trento | Treviso | Trieste | Udine | Varese | Venezia | Verbano-Cusio-Ossola | Vercelli | Verona | Vibo Valentia | Vicenza | Viterbo |