Agriturismo.st | Home

richiesta multipla

Tutti gli agriturismo di una località VAI >

newsletter

Iscriviti e rimani aggiornato VAI >

cerca agriturismo

AGRITURISMO Liguria



Attualmente sono presenti 224 strutture
Scegli una provincia Scegli una zona Torna indietro
RICERCA AVANZATA
Regione
  Provincia
Servizi struttura

Ristorazione

Vendita prodotti

Centro benessere

   
Servizi in camera

Riscaldamento

Cucina

Sistemazione

Agricampeggio

Casa Vacanze

Country House

Posizione

Pianura

Città


Mappa degli agriturismi in Liguria


 

Informazioni su Liguria


Popolazione:

1.676.282 abitanti

Superficie:

5.418

Confini:

A nord con il Piemonte, ad est con l'Emilia-Romagna e la Toscana, a sud con il Mar Tirreno e ad ovest con la Francia.

Agricoltura:

La Liguria, pur presentando una superficie fisica non proprio felice, ha egualmente sviluppato, sulla fascia costiera, colture di fiori (rose), di viti, di ulivi, e, soprattutto, di piante ornamentali. Abbastanza ricca risulta essere la produzione ortofrutticola e di olio d'oliva, mentre discreta è quella del vino, incentrata principalmente nella zona delle Cinque Terre in provincia di La Spezia. Un tempo notevolmente sviluppata, la pesca assume ai giorni nostri un'importanza assolutamente trascurabile, e questo fatto è dovuto, purtroppo, all'aumento dell'inquinamento che si è verificato nel Mar Ligure, rendendo così scarsa la pescosità stessa. In conclusione, però, bisogna affermare che le attività agricole sopradescritte non rivestono, così come i vari settori industriali, una grande importanza in ambito economico ligure.

Paesaggi:

La Liguria, che è la regione più stretta d'Italia, presenta un territorio quasi totalmente montuoso; i due blocchi alpini, quello occidentale e quello orientale, si uniscono alla "Sella di Altare" (detta anche "Sella di Cadibona"), in prossimità di Savona. Le alpi di questa regione, che si dividono in Alpi Liguri e Alpi Marittime, raggiungono le rispettive massime altitudini con il Monte Saccarello (2.220 m) e con il Monte Maggiorasca (1.799 m). Per quanto riguarda la pianura, invece, c'è solo da dire che le due più importanti sono il Piano della Magra e la Piana di Albenga; quest'ultima è, addirittura, la più vasta di tutta la regione misurando appena 12 chilometri quadrati. Caratteristica della Liguria è la costa, divisa nella Riviera di Levante ed in quella di Ponente; queste due parti costiere sono, infatti, completamente diverse una dall'altra: la prima presenta coste formate da grandi costiere, con delle ampie insenature e profondi golfi, mentre la seconda si estende per alcuni tratti completamente piatta, dando origine ad una piccola fascia di pianura e, conseguentemente, a discrete spiagge. Inoltre, c'è da rilevare il buon clima che si trova in Liguria, dovuto ovviamente alla vicinanza del mare, che procura anche un'abbondante pesca e costituisce un'importante via di comunicazione. Un curioso animale presente in questa regione è il geco, una specie di lucertola in grado di arrampicarsi su pareti levigate, che può "permettersi" di fare questo grazie agli organi adesivi di cui sono fornite le sue zampe. Topografia: Montagna 65,1% Collina 34,9%

Industria:

Nota dolente di questa regione è, insieme all'agricoltura, l'industria stessa; infatti, si può dire che l'ultima fase di "grandezza" della Liguria contemporanea, e cioè il grande movimento marittimo-portuale delle zone costiere, si situa a cavallo tra il XIX ed il XX secolo. Il declino industriale cominciò a delinearsi negli anni seguenti la prima guerra mondiale, quando si verificò la caduta di alcuni pilastri portanti dell'industria ligure. Ma la vera crisi, che prosegue tuttora, ebbe inizio dopo la seconda guerra mondiale, e questo grazie, oltre alla conformazione fisica poco favorevole della regione, alla perdita di autonomia e all'imprenditorialità locale e all'età media della popolazione (molto alta). Comunque, tornando al discorso iniziale, quando l'industria ligure aveva ancora una qualche importanza molto potenti erano le aziende meccaniche, siderurgiche e metallurgiche, ma soprattutto l'area marittima offriva un notevolissimo contributo all'economia dell'intera regione ligure. "Grazie" al sopracennato declino industriale, si è andato via via sempre più sviluppando il terziario, che risulta essere il secondo d'Italia dopo quello laziale. L'espansione di questo settore ligure si collega, soprattutto, alle attività portuali, al commercio ed al turismo.

Città:

Capoluogo della Liguria è Genova, città situata in una bellissima insenatura naturale e importante porto marittimo, che presenta infatti una superficie di ben 50 kmq. Originariamente era un borgo posto sotto il dominio dell'Impero Romano; durante il Medioevo fu una potente Repubblica Marinara, tanto da essere per un breve lasso di tempo la dominatrice del Mar Tirreno. La città offre un notevole numero di monumenti, tra i quali bisogna ricordare la Cattedrale di San Lorenzo (chiesa romanica che presenta una facciata gotica), il Palazzo Ducale, la Chiesa di San Matteo e Palazzo Doria. La Spezia, così come Genova, sorge su un bellissimo golfo naturale ed è circondata da numerosi monti. Questa città, che durante la II guerra mondiale ha subito notevoli danni ad edifici e monumenti, presenta, dal punto di vista artistico, l'interessante Museo archeologico lunense. Altra città ligure è Savona, che offre, oltre ad un porto tra i più attivi ed efficienti d'Italia, delle caratteristiche vie strettissime chiamate "carugi". Importanti monumenti sono soprattutto la Capella Sistina, posta all'esterno del Duomo, e il Palazzo della Rovere, costruito in stile rinascimentale. Infine bisogna menzionare Imperia, nota per essere situata sulla cosidetta "Riviera dei fiori". Il suo nome deriva dal torrente Impero, un tempo oggetto di separazione dei Comuni Oneglia e Porto Maurizio (le due frazioni ora unite costituiscono proprio la provincia di Imperia). Unica opera artistica che riveste una qualche importanza è la grandiosa basilica di San Maurizio, costruita in mezzo secolo in stile neoclassico. Località turistiche: San Remo è famoso centro turistico perchè teatro del grande Festival della canzone italiana e per la stupenda riviera floreale che sa offrire, mentre Alassio, Rapallo e Loano sono importanti centri balneari.

Personaggi:

Alla Liguria sono legati nomi di moltissimi personaggi famosi, come, ad esempio, Cristoforo Colombo, Giuseppe Garibaldi e Italo Calvino. Quest'ultimo, ad esempio, fu un grande scrittore del dopoguerra sviluppando una narrativa di forte impegno politico che, con la trasfigurazione dei dati reali, rende meno crudele il racconto delle vicende belliche. Le sue opere più importanti furono "il visconte dimezzato", "Marcovaldo" e "Le fiabe italiane", quest'ultime scritte nella maniera favolistica popolare. Altro nome famosissimo in tutto il Mondo è quello del genovese Cristoforo Colombo (1451-1516), il navigatore che per primo scoprì le coste dell'America. Infatti, la sua teoria consisteva nel credere che l'Eurasia fosse di estensione maggiore di quella che si è poi rivelata essere, che la Terra fosse di dimensione minore di quella che si è poi rivelata essere, e che per raggiungere l'obiettivo del suo viaggio (le Indie) dovesse incontrare l'isole di Cipango (Giappone). Il suo tragitto cominciò il 3 agosto 1492 a bordo di tre caravelle, la Niña, la Pinta e la Santa Maria, ed il 12 ottobre 1492 Cristoforo Colombo mise per primo piede su un'isoletta americana (una delle attuali isole Bahama), che chiamò San Salvador. Rientrato il 15 marzo 1493 nel porto di Palos, fu accolto trionfalmente da tutto il Paese. In seguito Colombo organizzò altre nuove spedizioni, sempre con la convinzione di arrivare in Asia Orientale, per ricercare le famose foci del Gange. Morì in solitudine e per stabilire a chi dovessero andare in eredità le nuove terre scoperte si creò la cosiddetta "questione colombiana". Giuseppe Garibaldi (1807-1882) fu patriota, generale e uomo politico. Nel 1833, incontrò Giuseppe Mazzini a Marsiglia e aderì alla Giovine Italia e alla causa rivoluzionaria. Dopo aver combattuto in America del Sud per la liberazione dell'Uruguay dalla dittatura argentina, tornò in Italia e, dopo varie vicissitudini, partecipò il 9 febbraio 1849 alla proclamazione della Repubblica Romana e assunse il grado di generale di brigata. Ma la sconfitta contro i francesi, il 30 giugno, costrinse Garibaldi a sciogliere la legione da lui antecedentemente costituita. Staccatosi progressivamente da Mazzini ed entrato in contatto con Cavour e Vittorio Emanuele, formò i "Cacciatori delle Alpi", un gruppo di volontari che occupò Varese e difese la Valtellina; allo stesso tempo, Mazzini chiese a Garibaldi di recarsi in Sicilia per cercare di risollevare le popolazioni. Quando il 4 aprile 1860 scoppiò l'insurrezione a Palermo, il Generale riunì 1.089 volontari (i famosi "Mille") e partì da Quarto la notte tra il 5 ed il 6 maggio. Dall'11 maggio, giorno dello sbarco a Marsala, fino agli inizi di settembre, Garibaldi vinse a Palermo, dove sconfisse l'esercito borbonico, Milazzo, Messina, Siracusa ed entrò, prima a Salerno, e poi a Napoli. I garibaldini furono poi protagonisti, pur essendo in notevole minoranza, di un'importantissima vittoria contro le armate borboniche (1-2 ottobre). Nominato capo dei volontari durante la 3ª guerra d'indipendenza, a Garibaldi venne affidata la liberazione del Trentino, dove ottenne molte vittorie; quando gli chiesero di ritirarsi, lui rispose con il celeberrimo "Obbedisco". In seguito il Generale tentò di liberare Roma, senza però riuscirvi. Negli ultimi anni si occupò di politica, prima di morire a Caprera il 2 giugno 1882. Altro nome legato al Risorgimento italiano e alla Liguria è quello di Giuseppe Mazzini (1805-1872), il famoso fondatore della "Giovine Italia". Questo "movimento" aveva come principio l'idea di fare dell'Italia una repubblica, e ciò si poteva realizzare con un'iniziativa rivoluzionaria e un'intensa propaganda tra il popolo. Nel 1834 fondò a Berna la Giovine Europa, frutto della sua convinzione che la rivoluzione italiana avrebbe avuto successo solo collegandosi ai movimenti di tutti i popoli oppressi. Dopo un breve periodo trascorso a Londra, Mazzini, allo scoppio delle rivoluzioni del 1948, adottò dapprima un atteggiamento moderato, e in seguito, per mezzo del giornale "L'Italia del popolo", lanciò l'idea della guerra popolare contrapposta a quella regia. Dal 1860 fino alla sua morte, Mazzini, pur consapevole dell'impossibilità di opporsi al dominio sabaudo, continuò imperterrito la sua propaganda repubblicana, ottenendo però scarsi successi. Un altro famoso nome ligure è quello dello scrittore Edmondo De Amicis (1846-1908), autore del conosciutissimo libro "Cuore". Altre sue importanti opere sono "Gli amici", "Il romanzo di un maestro" e "La carrozza di tutti". Eugenio Montale (1896-1981) è stato uno dei più grandi poeti italiani del XX secolo; redattore del "Corriere della Sera", critico musicale, traduttore e conoscitore profondo della letteratura inglese, è il famoso autore di "Ossi di seppia". Eletto senatore a vita nel 1967, nel 1975 fu insignito del Premio Nobel per la letteratura. Infine, bisogna menzionare il violinista e compositore Niccolò Paganini (1782-1840), uno dei più grandi musicisti di tutti i tempi. Unico ed inimitabile virtuoso del violino, il suo repertorio consisteva in pezzi da lui stesso composti; celebrissimi sono i suoi "Capricci", opera per solo violino costituita da 24 parti.

Storia:

Nel III secolo a.C. i liguri, così come quasi tutti i popoli italiani, ebbero a che fare con i romani; questi ultimi riuscirono a superare la resistenza ligure soltanto dopo decenni di continue e durissime lotte. Nel periodo dell'Impero Romano, la Liguria godette di una notevole prosperità economica ma, alla caduta della grande dominazione romana, cominciò ad evidenziare segni di grande decadenza. Infatti, fino al X secolo la regione subì la dominazione barbarica, prima con gli Eruli e successivamente con i Goti, Longobardi e Franchi; inoltre dal mare giungevano Normanni e Saraceni, questi ultimi, però, sconfitti con l'aiuto dei Pisani. Nel X secolo, Genova divenne Comune autonomo prima, e una delle più potenti città marinare poi; la vittoria contro Pisa presso l'isola di Meloria nel 1284, assicurò ai genovesi il dominio sul Mar Tirreno, perdendo però, contro Venezia, prestigio nei confronti del Mar Mediterraneo. Dal 1500 fino alla fine del 1700, la Liguria conobbe un periodo storico tristissimo, culminato con la perdita della Corsica per mano dei francesi nel 1768. Dopo il Congresso di Vienna (1815), la regione passò, per l'unione con il Regno di Sardegna, sotto il controllo di Casa Savoia; famosissimi in questo periodo sono i nomi di Giuseppe Garibaldi e di Giuseppe Mazzini, due patrioti liguri che durante il Risorgimento furono protagonisti del raggiungimento dell'indipendenza italiana. Dal 1861, con la proclamazione del Regno d'Italia, la Liguria fa parte del nostro Paese.

Agrigento | Alessandria | Ancona | Aosta | Arezzo | Ascoli Piceno | Asti | Avellino | Bari | Belluno | Benevento | Bergamo | Biella | Bologna | Bolzano | Brescia | Brindisi | Cagliari | Caltanissetta | Campobasso | Carbonia - Iglesias | Caserta | Catania | Catanzaro | Chieti | Como | Cosenza | Cremona | Crotone | Cuneo | Enna | Ferrara | Firenze | Foggia | Forlì - Cesena | Frosinone | Genova | Gorizia | Grosseto | Imperia | Isernia | La Spezia | L'Aquila | Latina | Lecce | Lecco | Livorno | Lodi | Lucca | Macerata | Mantova | Massa - Carrara | Matera | Medio - Campidano | Messina | Milano | Modena | Napoli | Novara | Nuoro | Ogliastra | Olbia - Tempio | Oristano | Padova | Palermo | Parma | Pavia | Perugia | Pesaro - Urbino | Pescara | Piacenza | Pisa | Pistoia | Pordenone | Potenza | Prato | Ragusa | Ravenna | Reggio Calabria | Reggio Emilia | Rieti | Rimini | Roma | Rovigo | Salerno | Sassari | Savona | Siena | Siracusa | Sondrio | Taranto | Teramo | Terni | Torino | Trapani | Trento | Treviso | Trieste | Udine | Varese | Venezia | Verbano-Cusio-Ossola | Vercelli | Verona | Vibo Valentia | Vicenza | Viterbo |